Nani

Alleanza

Resistenti esploratori

Gli orgogliosi e coraggiosi Nani appartengono a un'antica razza discesa dai Terrigeni, esseri di pietra creati dai Titani quando il mondo era ancora giovane. A causa di una strana malattia conosciuta come la Maledizione della Carne, i progenitori Terrigeni subirono una mutazione che trasformò le loro scorze rocciose in morbida pelle. Alla fine, queste creature di carne e sangue si chiamarono Nani e scavarono la potente città di Forgiardente all'interno delle montagne innevate di Khaz Modan.

Storia dei Nani

Per molti anni, i tre clan nanici dei Barbabronzea, dei Granmartello e dei Ferroscuro vissero uniti a Forgiardente sotto il dominio del saggio Gran Sovrano Modimus Forgiamara. Quando Modimus scomparve, le tensioni mai sopite tra i clan si manifestarono e scoppiò una battaglia per il controllo della città. Iniziò così la Guerra dei Tre Martelli, un conflitto selvaggio che infuriò per molti anni, alla fine dei quali il clan Barbabronzea ottenne la proprietà esclusiva di Forgiardente, tagliando ogni rapporto con gli altri clan ed espellendo i propri rivali.

Molti anni più tardi, tuttavia, uno scherzo del destino riportò i clan rivali di nuovo a Forgiardente, dopo secoli di lontananza...

Quando poco prima del Cataclisma diversi disastri naturali sconvolsero Azeroth, le terre dei Nani non furono risparmiate dalle calamità. Una serie di scosse sismiche fece tremare le zone intorno a Forgiardente, riducendo gli insediamenti a mucchi di macerie e rubando la vita a molti Nani innocenti. Alla ricerca di una risposta sul preoccupante stato del mondo, Re Magni eseguì un rituale mistico per comunicare con la terra. La cerimonia, però, ebbe un esito inatteso: Magni fu trasformato in una statua di diamante e rimase fuso nelle profondità di Forgiardente.

Nel vuoto di potere che seguì, la figlia diseredata di Magni, Moira, che aveva sposato un membro del clan Ferroscuro, si impadronì brevemente del trono di Forgiardente e assediò la città dall'interno. Se non fosse stato per l'intervento di Re Varian Wrynn di Roccavento e di suo figlio, il Principe Anduin, quelle azioni avrebbero potuto scatenare una nuova guerra civile. Sotto la guida di Varian, il controllo di Forgiardente da allora viene condiviso in parti uguali dai tre clan attraverso il Concilio dei Tre Martelli. Quando i clan riescono a mettere da parte i vecchi rancori e decidono di lavorare insieme, la capacità di governo del Concilio sembra funzionare.

Trasformato dal rituale, Magni fece ritorno, ma non per rivendicare il suo trono: egli aveva un nuovo scopo e lasciò Forgiardente nelle mani del Concilio. Nelle vesti dell'Oratore, Magni guidò i più grandi eroi di Azeroth quando la Legione Infuocata invase Azeroth, e poi quando Sargeras conficcò la sua spada nella zona di Silitus, sfregiando per sempre il pianeta. Sebbene il destino del mondo sia incerto, Magni e tutti i Nani hanno giurato di proteggere Azeroth a costo della loro vita.

Terra natale

Dun Morogh

Cinta da vette impervie, la regione innevata di Dun Morogh è da generazioni la culla della civiltà dei Nani di Forgiardente. Non molto tempo fa, alcune scosse telluriche hanno destato numerosi Trogg che abitavano nelle profondità della terra attirandoli verso gli insediamenti nanici di Forgiamara, nella Valle Crestafredda. L'improvvisa invasione di Trogg ha costretto anche i selvaggi Troll Mantogelido ad abbandonare la Cresta Brillante e a trasferirsi in altre zone occupate dai Nani. Ora i Nani di Dun Morogh si ritrovano assediati su due fronti, e senza un aiuto immediato rischiano di perdere le terre dei propri avi sotto gli attacchi di questi barbarici avversari.

Abilità razziali

Esplorazione
I Nani ricevono un bonus alla competenza in Archeologia e possono ricercare manufatti più rapidamente delle altre razze.
Resistenza al Gelo
I Nani vantano una resistenza innata alla magia del gelo.
Vigore della Montagna
I Nani combattono con grande determinazione e ricevono un bonus ai colpi critici.
Forma di Pietra
I Nani possono trasformarsi per breve tempo in pietra vivente e annullare qualsiasi effetto di veleno, malattia e sanguinamento, oltre a ridurre tutti i danni subiti.

Classi disponibili

Guerriero
Guerriero
Dove c'è una battaglia, ci sono eroi di ogni razza che si esercitano nell'arte della guerra. I Guerrieri combinano forza, carisma e una vasta conoscenza di armi e armature per scatenarsi sul campo di battaglia.
Paladino
Paladino
Proteggere i deboli, correggere le ingiustizie e bandire il male dagli angoli più oscuri del mondo: questo è il credo dei Paladini.
Cacciatore
Cacciatore
Nel corso della storia, molti avventurieri hanno lasciato la comodità delle proprie case, mossi dall'istinto di esplorare gli angoli più remoti del mondo. Coloro che sono riusciti a sopravvivere sono poi diventati Cacciatori.
Ladro
Ladro
Per i Ladri conta solo il contratto che hanno stipulato, e la loro lealtà è in vendita al miglior offerente. Sono mercenari senza scrupoli che impiegano tattiche infide e brutali.
Sacerdote
Sacerdote
I Sacerdoti sono esperti del mondo spirituale e mettono la propria incrollabile fede al servizio degli altri. In un lontano passato decisero di rinunciare alla sicurezza dei propri templi e santuari per supportare gli alleati nelle terre sfregiate dalla guerra.
Sciamano
Sciamano
Gli Sciamani sono guide spirituali di clan e tribù. Abili manipolatori degli elementi, essi possono invocare poteri totemici per guarire o potenziare i loro alleati scatenando allo stesso tempo la furia degli elementi sui loro avversari.
Mago
Mago
Solo chi è dotato di un acuto intelletto e di un'inflessibile disciplina può intraprendere la strada della magia. Gli incantesimi arcani dei Maghi sono tanto potenti quanto pericolosi, e per questo vengono svelati solo agli allievi più promettenti.
Stregone
Stregone
Per molti eroi, i poteri demoniaci sono una manifestazione della morte. Gli Stregoni li vedono invece come un'opportunità. Il potere è la loro meta, e le arti oscure sono il sentiero per raggiungerla.
Monaco
Monaco
Lottatori a mani nude, i cui stili di combattimento senza armi sono originari dell'antica Pandaria, i monaci sono tanto vari quanto l'energia che li circonda. Possono incassare attacchi mortali grazie ai vapori dei loro infusi, curare flussi rotti di chi e colpire i loro nemici con pugni e calci veloci come il vento.
Cavaliere della Morte
Cavaliere della Morte
Appena il Re dei Lich perse il controllo dei suoi Cavalieri della Morte, questi vollero redimersi per gli orrori commessi sotto il suo comando.

Storia dei Nani

Per molti anni, i tre clan nanici dei Barbabronzea, dei Granmartello e dei Ferroscuro vissero uniti a Forgiardente sotto il dominio del saggio Gran Sovrano Modimus Forgiamara. Quando Modimus scomparve, le tensioni mai sopite tra i clan si manifestarono e scoppiò una battaglia per il controllo della città. Iniziò così la Guerra dei Tre Martelli, un conflitto selvaggio che infuriò per molti anni, alla fine dei quali il clan Barbabronzea ottenne la proprietà esclusiva di Forgiardente, tagliando ogni rapporto con gli altri clan ed espellendo i propri rivali.

Molti anni più tardi, tuttavia, uno scherzo del destino riportò i clan rivali di nuovo a Forgiardente, dopo secoli di lontananza...

Quando poco prima del Cataclisma diversi disastri naturali sconvolsero Azeroth, le terre dei Nani non furono risparmiate dalle calamità. Una serie di scosse sismiche fece tremare le zone intorno a Forgiardente, riducendo gli insediamenti a mucchi di macerie e rubando la vita a molti Nani innocenti. Alla ricerca di una risposta sul preoccupante stato del mondo, Re Magni eseguì un rituale mistico per comunicare con la terra. La cerimonia, però, ebbe un esito inatteso: Magni fu trasformato in una statua di diamante e rimase fuso nelle profondità di Forgiardente.

Nel vuoto di potere che seguì, la figlia diseredata di Magni, Moira, che aveva sposato un membro del clan Ferroscuro, si impadronì brevemente del trono di Forgiardente e assediò la città dall'interno. Se non fosse stato per l'intervento di Re Varian Wrynn di Roccavento e di suo figlio, il Principe Anduin, quelle azioni avrebbero potuto scatenare una nuova guerra civile. Sotto la guida di Varian, il controllo di Forgiardente da allora viene condiviso in parti uguali dai tre clan attraverso il Concilio dei Tre Martelli. Quando i clan riescono a mettere da parte i vecchi rancori e decidono di lavorare insieme, la capacità di governo del Concilio sembra funzionare.

Trasformato dal rituale, Magni fece ritorno, ma non per rivendicare il suo trono: egli aveva un nuovo scopo e lasciò Forgiardente nelle mani del Concilio. Nelle vesti dell'Oratore, Magni guidò i più grandi eroi di Azeroth quando la Legione Infuocata invase Azeroth, e poi quando Sargeras conficcò la sua spada nella zona di Silitus, sfregiando per sempre il pianeta. Sebbene il destino del mondo sia incerto, Magni e tutti i Nani hanno giurato di proteggere Azeroth a costo della loro vita.

Terra natale

Dun Morogh

Cinta da vette impervie, la regione innevata di Dun Morogh è da generazioni la culla della civiltà dei Nani di Forgiardente. Non molto tempo fa, alcune scosse telluriche hanno destato numerosi Trogg che abitavano nelle profondità della terra attirandoli verso gli insediamenti nanici di Forgiamara, nella Valle Crestafredda. L'improvvisa invasione di Trogg ha costretto anche i selvaggi Troll Mantogelido ad abbandonare la Cresta Brillante e a trasferirsi in altre zone occupate dai Nani. Ora i Nani di Dun Morogh si ritrovano assediati su due fronti, e senza un aiuto immediato rischiano di perdere le terre dei propri avi sotto gli attacchi di questi barbarici avversari.

Capitale

Forgiardente

Scavata nel cuore roccioso di Khaz Modan, la grandiosa città di Forgiardente testimonia la forza e l'estrema tenacia dei Nani. Durante la Seconda Guerra tra Orchi e Umani, molte roccaforti naniche furono conquistate dalle forze dell'Orda, ma Forgiardente non fu mai violata. Amministrata dal Concilio dei Tre Martelli, oggi la città è in uno stato di tensione che potrebbe preludere a una nuova guerra. Il Concilio dovrà governare con equità e giustizia affinché questo nuova era di Forgiardente diventi anche la più gloriosa della sua lunga storia.

Cavalcatura

Montone

Riconoscibili dal manto villoso e dalle enormi corna, i montoni di Barak Tor'ol sono animali semplici ma fieri, con un coraggio secondo solo a quello dei loro padroni nanici. La quasi totale assenza di ferocia o brutalità in queste creature mansuete è compensata da una forza e una resistenza fisica senza pari. Di recente, montoni di altre specie sono stati scoperti nel continente glaciale di Nordania, ma i Nani di Forgiardente continuano a preferire quelli più docili di Dun Morogh e delle regioni confinanti.

Maggiori informazioni su altre razze