Worgen

Alleanza

Reclusi maledetti

Dietro il formidabile Muro dei Mantogrigio, una terribile maledizione si diffuse in tutta l'isolata regione di Gilneas, abitata dagli Umani, e trasformò molti dei suoi coraggiosi cittadini in bestie dall'aspetto di lupo, conosciute come Worgen. Gli studiosi discussero animatamente delle origini della maledizione, finché non scoprirono che i Worgen originali non erano stati, come si era inizialmente creduto, un incubo proveniente da un'altra dimensione, ma dei Druidi Elfi della Notte maledetti.

Storia dei Worgen

Molto tempo prima, nel mezzo di una guerra brutale su Kalimdor tra gli Elfi della Notte e i Satiri demoniaci, un gruppo di Druidi praticò l'abilità di mutare nella forma potente ma indomita che incarnava la furia dell'Antico Lupo, Goldrinn. Grazie agli insegnamenti di Ralaar Zannalunga, questi Druidi del Branco cercarono di usare la Falce di Elune, un artefatto mistico, per temperare la rabbia incontrollabile insita nella forma che avevano scelto.

Invece di blandire la furia dei Druidi, tuttavia, la Falce trasformò Ralaar e i suoi seguaci in Worgen: umanoidi bestiali schiavi dei propri istinti primordiali.

I Druidi di Ralaar aggredivano indistintamente amici e nemici. Gli Elfi della Notte feriti dalle bestie contraevano una maledizione che trasformava anch'essi in Worgen. Nel disperato tentativo di limitare la diffusione dell'afflizione, l'Arcidruido Malfurion Grantempesta bandì i Worgen in una parte del Sogno di Smeraldo, il mondo spirituale di Azeroth, dove avrebbero dormito un sonno tranquillo per tutta l'eternità.

La minaccia dei Worgen fu contenuta per millenni, finché l'Arcimago Arugal richiamò le bestie dal sogno. Convocati per ordine del Re Genn Mantogrigio, i Worgen combatterono le forze del Flagello che stavano invadendo il regno di Gilneas. Le creature selvatiche presto diffusero la loro maledizione su tutta la popolazione di Umani, infettando i soldati di stanza a Gilneas al di là del Muro dei Mantogrigio.

Gli Elfi della Notte, sentendosi responsabili della creazione della maledizione e della distruzione provocata, accettarono di aiutare i Gilneani. Con la Falce di Elune gli Elfi della Notte non potevano curare in modo permanente l'afflizione, ma riuscirono a insegnare ai Gilneani come controllare la maledizione, mutando la forma da Umano a Worgen e viceversa, secondo la propria volontà. Ora, questi Worgen autodisciplinati si sono uniti all'Alleanza e sono pronti a lottare per mantenere la loro umanità e il loro posto nella società.

Terra natale

Gilneas

Per molti anni la nazione di Gilneas ha prosperato in totale isolamento, protetta dal colossale Muro Mantogrigio. Libero da qualsiasi influenza esterna, il regno si affidava alla ferma volontà e alla tenacia dei suoi cittadini per ritagliarsi un ruolo di prestigio nel mondo. Di recente, tuttavia, una serie di eventi ha scosso profondamente la nazione. Una terribile maledizione si è abbattuta su Gilneas, già allo stremo delle forze dopo una guerra civile, trasformando parte dei suoi abitanti in feroci Worgen.

Abilità razziali

Corsa Animalesca
I Worgen possono correre a quattro zampe, veloci come animali selvaggi. Chi ha più bisogno di cavalcature?
Aberrazione
La durata di maledizioni e malattie scagliate contro i Worgen viene leggermente ridotta.

Scatto Oscuro
I Worgen assumono la loro vera forma, con un drastico e temporaneo aumento della velocità di movimento.
Specializzazione: Scuoiatura
Gli artigli dei Worgen sono estremamente affilati e possono scuoiare rapidamente la carcassa di una bestia.
Malevolenza
I Worgen combattono con ferocia predatoria e hanno una probabilità aumentata di effettuare colpi critici.
Doppia Forma
I Worgen possono tornare alla loro forma umana quando non sono impegnati in combattimento.

Classi disponibili

Guerriero
Guerriero
Dove c'è una battaglia, ci sono eroi di ogni razza che si esercitano nell'arte della guerra. I Guerrieri combinano forza, carisma e una vasta conoscenza di armi e armature per scatenarsi sul campo di battaglia.
Cacciatore
Cacciatore
Nel corso della storia, molti avventurieri hanno lasciato la comodità delle proprie case, mossi dall'istinto di esplorare gli angoli più remoti del mondo. Coloro che sono riusciti a sopravvivere sono poi diventati Cacciatori.
Ladro
Ladro
Per i Ladri conta solo il contratto che hanno stipulato, e la loro lealtà è in vendita al miglior offerente. Sono mercenari senza scrupoli che impiegano tattiche infide e brutali.
Sacerdote
Sacerdote
I Sacerdoti sono esperti del mondo spirituale e mettono la propria incrollabile fede al servizio degli altri. In un lontano passato decisero di rinunciare alla sicurezza dei propri templi e santuari per supportare gli alleati nelle terre sfregiate dalla guerra.
Mago
Mago
Solo chi è dotato di un acuto intelletto e di un'inflessibile disciplina può intraprendere la strada della magia. Gli incantesimi arcani dei Maghi sono tanto potenti quanto pericolosi, e per questo vengono svelati solo agli allievi più promettenti.
Stregone
Stregone
Per molti eroi, i poteri demoniaci sono una manifestazione della morte. Gli Stregoni li vedono invece come un'opportunità. Il potere è la loro meta, e le arti oscure sono il sentiero per raggiungerla.
Druido
Druido
I Druidi si appellano agli enormi poteri della natura per preservare e proteggere l'equilibrio della vita. Esperti mutaforma, i Druidi possono assumere l'aspetto di numerose bestie come orsi, felini, corvi o leoni marini.
Cavaliere della Morte
Cavaliere della Morte
Appena il Re dei Lich perse il controllo dei suoi Cavalieri della Morte, questi vollero redimersi per gli orrori commessi sotto il suo comando.

Storia dei Worgen

Molto tempo prima, nel mezzo di una guerra brutale su Kalimdor tra gli Elfi della Notte e i Satiri demoniaci, un gruppo di Druidi praticò l'abilità di mutare nella forma potente ma indomita che incarnava la furia dell'Antico Lupo, Goldrinn. Grazie agli insegnamenti di Ralaar Zannalunga, questi Druidi del Branco cercarono di usare la Falce di Elune, un artefatto mistico, per temperare la rabbia incontrollabile insita nella forma che avevano scelto.

Invece di blandire la furia dei Druidi, tuttavia, la Falce trasformò Ralaar e i suoi seguaci in Worgen: umanoidi bestiali schiavi dei propri istinti primordiali.

I Druidi di Ralaar aggredivano indistintamente amici e nemici. Gli Elfi della Notte feriti dalle bestie contraevano una maledizione che trasformava anch'essi in Worgen. Nel disperato tentativo di limitare la diffusione dell'afflizione, l'Arcidruido Malfurion Grantempesta bandì i Worgen in una parte del Sogno di Smeraldo, il mondo spirituale di Azeroth, dove avrebbero dormito un sonno tranquillo per tutta l'eternità.

La minaccia dei Worgen fu contenuta per millenni, finché l'Arcimago Arugal richiamò le bestie dal sogno. Convocati per ordine del Re Genn Mantogrigio, i Worgen combatterono le forze del Flagello che stavano invadendo il regno di Gilneas. Le creature selvatiche presto diffusero la loro maledizione su tutta la popolazione di Umani, infettando i soldati di stanza a Gilneas al di là del Muro dei Mantogrigio.

Gli Elfi della Notte, sentendosi responsabili della creazione della maledizione e della distruzione provocata, accettarono di aiutare i Gilneani. Con la Falce di Elune gli Elfi della Notte non potevano curare in modo permanente l'afflizione, ma riuscirono a insegnare ai Gilneani come controllare la maledizione, mutando la forma da Umano a Worgen e viceversa, secondo la propria volontà. Ora, questi Worgen autodisciplinati si sono uniti all'Alleanza e sono pronti a lottare per mantenere la loro umanità e il loro posto nella società.

Terra natale

Gilneas

Per molti anni la nazione di Gilneas ha prosperato in totale isolamento, protetta dal colossale Muro Mantogrigio. Libero da qualsiasi influenza esterna, il regno si affidava alla ferma volontà e alla tenacia dei suoi cittadini per ritagliarsi un ruolo di prestigio nel mondo. Di recente, tuttavia, una serie di eventi ha scosso profondamente la nazione. Una terribile maledizione si è abbattuta su Gilneas, già allo stremo delle forze dopo una guerra civile, trasformando parte dei suoi abitanti in feroci Worgen.

Capitale

Gilneas

Recentemente, un gruppo di Worgen selvaggi ha lanciato un attacco a sorpresa contro la capitale fortificata del regno. I cittadini non contagiati hanno preso le armi in difesa della loro patria e stanno combattendo disperatamente per le sinuose strade di pietra e gli stretti vicoli. Il pericolo incombe spietato sulla popolazione di Gilneas, e difficilmente la nazione di Genn potrà farcela mantenendosi nell'isolamento forzato come ha fatto finora.

Cavalcatura

Corsa Animalesca

Quando devono coprire rapidamente ampie distanze, i Worgen scatenano una furia bestiale e si mettono a correre a quattro zampe, superando in velocità perfino i cavalli, le fiere della notte e i tecnostruzzi più rapidi. Come se dovessero rispondere a un istinto primordiale, i Worgen preferiscono spostarsi in questo modo piuttosto che affidarsi alle cavalcature usate comunemente dalle altre razze di Azeroth.

Maggiori informazioni su altre razze